E’ una delle domande che mi rivolgono più spesso: ma come si applica il fondotinta?

Partiamo dal presupposto che è uno di quei prodotti “delicati”, che va scelto con cura (tradotto: non fidarsi delle commesse che vogliono farti passare da avere un incarnato come Bella Swan post-vampirizzazione a quello di Beyoncé), e soprattutto va steso bene per evitare di ottenere un effetto innaturale e poco uniforme.

Sulla scelta del fondotinta e sulle varie tipologie bisognerebbe davvero scrivere un libro intero onde evitare di vedere ancora certi disastri, ma oggi io vi voglio parlare di come, e soprattutto con cosa, applicarlo.

Un buon 80% applica ancora il fondotinta con le mani, e con mani intendo proprio che lo spalma letteralmente sul viso come se fosse una crema idratante. Da rabbrividire solo a vedere: se non amate utilizzare pennelli e spugnette potete anche utilizzare le vostre mani, ma solamente i polpastrelli. Utilizzate il dorso della mano come se fosse una “tavolozza” (se ovviamente non ne avete una che dedicate al beauty) e con le dita scaldate il prodotto; dopodiché potete applicarlo sul viso picchiettando i polpastrelli, ma attenzione a creare un effetto leggero e naturale, senza accumuli di prodotto in zone particolari del volto. Non nego che non sono fan di questo metodo (se non per l’applicazione della BB Cream o eventualmente del Face&Body). Preferisco di gran lunga i pennelli e sì, anche le spugnette se sono quelle giuste.

Beauty_Blender

Bandite quelle di lattice bianco a forma triangolare: assorbono tutto il prodotto e non permettono un’applicazione ottimale. Se proprio non riuscite a non utilizzarle scegliete quelle di MAC e prima di utilizzarle bagnatele con il Fix+. La spugnetta migliore per applicare il fondotinta in modo veloce e ottenere un risultato uniforme e naturale è sicuramente la Beauty Blender (19,70€), la ormai famosissima spugnetta rosa che arriva da oltre oceano. E’ a forma di uovo e va utilizzata bagnata: non assorbe il fondotinta e potete utilizzarla sia dal lato più piccolo, per raggiungere anche le zone più complicate, sia dal lato più ampio per applicare il fondo su tutto il viso o per sfumarlo. Diffidate delle imitazioni low cost perché la qualità non sempre è ottimale e neanche la resa finale.

Miracle-Complexion-Sponge-di-Real-Techniques

Una versione simile è stata creata da Samantha Chapman ed è la Miracle Complexion Sponge di Real Techniques (5,22€). Qui la particolarità sta nella forma perché ha tre funzionalità: la spugnetta infatti è ovale e il lato più ampio si può utilizzare per sfumare il fondo ottenendo un risultato naturale, il lato angolato serve per stendere il prodotto in zone come il contorno occhi, e la parte più appuntita serve per le zone piccolissime e i dettagli.

real-techniques-expert-brush

Anche i pennelli non sono tutti uguali: il mio preferito è (di nuovo) firmato Real Techniques ed è l’Expert Face Brush (12,54€). Ha una forma particolare e differente dai classici a lingua di gatto generalmente utilizzati per l’applicazione del fondo: le sue setole sono fitte ed è piatto ai due lati, mentre la punta è arrotondata. E’ perfetto per ottenere un effetto coprente ma sempre naturale, senza rischiare l’effetto cerone.

mac-193-angled-brush

Anche il pennello 193 di MAC (40.83€) ha una forma particolare e angolata: è piccolo e quindi ideale per applicare il fondo in modo dettagliato e minuzioso, arrivando a raggiungere anche zone come il contorno occhi e i lati del naso con facilità, ma è perfetto anche per sfumare il prodotto e ottenere un incarnato naturale.