Inizia Dicembre e, come per magia, le strade si illuminano, i negozi si addobbano, si tirano fuori gli alberi di Natale, le palline dallo scatolone in cantina e si cercano i regali: perché, anche se Ligabue canta di “un Natale molto duro”, qualcosa da spacchettare per far invidia alla vicina di casa ci sarà lo stesso.

Natale, addobbi, regali. Ma finisce qui? Ovviamente non sto per farvi la predichetta religiosa, ma avete mai pensato che, se volete sfoggiare il regalo appena trovato sotto l’albero la mattina del 25 Dicembre, dovete pensare proprio a tutto? Mica potete abbinare la collana nuova di zecca a un maglione infeltrito o un paio di collant a stivali rotti.

E non ci pensa (quasi) mai nessuno, ma anche a Natale il trucco esiste. E, se c’è, deve essere fatto bene. Ora, io non sono sicuramente la Charlotte Tilbury de noaltri, ma ho tre prodotti che a Natale proprio non posso vedere.

Siamo a Natale sì, ma non siamo in una discoteca anni ’90. Quindi banditi glitter, strass, eye liner perlescenti & co. Per me il trucco di Natale deve essere sofisticato: che scegliate un look semplice o uno più strong poco importa. Se volete un trucco luminoso, applicate ombretti perlati o metallizzati, ma lasciate i glitter in un cassetto e al massimo tirateli fuori per Capodanno.

Pranzo di Natale: ora, si presuppone che voi vogliate mangiare in santa pace tutte e 47 le portate preparate dalla zia Pina e magari fare anche il bis. Quindi cosa vi fa pensare di mettere un rossetto rosso? Le labbra il 25 Dicembre devono essere nude e delicate, onde evitare di lasciare sul tovagliolo candido lo stampo perfetto delle vostre labbra. Se proprio non potete rinunciare al colore, scegliete un gloss o un balsamo colorato che andrà via a poco a poco, senza lasciare labbra secche o zone scoperte (tipo quelle della Toffanin a Verissimo lo scorso sabato, non so se rendo l’idea).

Se ancora non l’avete capito, siamo a Natale. E così, tanto per ricordarvelo, siamo a Dicembre. Nel cassetto, insieme ai glitter, lasciate anche la terra abbronzante o, meglio ancora, quel pennellone con le setole rade e durissime che solitamente utilizzate per applicarla. A meno che non siate tornate ieri dai Caraibi, nessuno pretende che siate abbronzate il 25 Dicembre, né tanto meno vuole vedervi con quel bellissimo vestito nero scollato che lascia trapelare un collo di porcellana e un viso da donna araba.

Ovviamente siete liberissime di creare il vostro make up come meglio credete: sappiate che se scegliete di indossare anche solo uno dei tre prodotti di cui vi ho parlato sopra e disgraziatamente ci incontriamo, non varrà il classico “A Natale sono tutti più buoni”.